Che corso vuoi dare al tuo Futuro?


Ambiti Formativi

I Per-Corsi di formazione organizzati dall'Accademia riguardano tutti i reparti dell'industria alberghiera e della ristorazione.

Destinatari

I percorsi, a numero chiuso (max n. 10 partecipanti) sono pensati sia per chi è alla ricerca del suo primo impiego, sia per chi già lavora ma vuole ulteriormente specializzarsi o riqualificarsi.

Metodologia

La formazione proposta dall'Accademia si basa su una metodologia particolarmente innovativa caratterizzata, per ogni tipologia di corso, su una prima fase di formazione teorica/esperienziale full immersion della durata di 60 ore distribuite nell'arco di 2 mesi svolta direttamente in Hotel. Terminato il corso   il partecipante potrà svolgere una ulteriore esperienza (facoltativa) di stage e/o tirocinio formativo presso i nostri partner, della durata da 2 a 6 mesi.

Al termine del percorso formativo, gli allievi conseguono, insieme all'attestato di frequenza, il "libretto Accademia" dove si certificano le singole competenze professionali acquisite durante tutto il percorso formativo.


              I nostri Per-Corsi


Il Receptionist Emozionale


"La cassetta degli attrezzi di un lavoro fatto con le mani, con la testa e con il cuore"

Il receptionist è una figura molto importante all'interno di un hotel: rappresenta il suo biglietto da visita ed influenza il grado di soddisfazione e il tasso di ritorno del cliente.

In linea con le più moderne riflessioni sul tema, condividiamo la tesi secondo cui l'emozione assume un ruolo centrale per la buona riuscita di ogni attività professionale, soprattutto quando si tratta di un'attività di "contatto".

La Governante d'Albergo


"Quando entri in una stanza d'albergo e chiudi la porta, sai che c'è un segreto, un lusso, una fantasia. C'è il comfort. C'è la rassicurazione"

Il segreto del successo di una struttura ricettiva dipende dall'organizzazione e dalla scelta di personale competente, in grado di collaborare per un unico obiettivo: la soddisfazione del cliente. Un ruolo decisivo di questo complesso ingranaggio spetta sicuramente al reparto housekeeping, che ha il compito di prendersi cura materialmente della struttura e di assicurare agli ospiti determinati servizi affinché il soggiorno risulti piacevole. 

Il Cameriere Emozionale


"Il cameriere è il vero padrone della sala che guida l'ospite in un percorso emozionale frutto di sapori, accoglienza e sapiente ospitalità"

Il cameriere deve gestire il cliente in tutte le fasi del servizio: l'accoglienza, la presa della comanda, il servizio dei prodotti richiesti, il soggiorno nel locale, il pagamento del conto e l'uscita degli ospiti.

Dal momento in cui un cliente entra, e gli viene affidato, al momento in cui esce, il cameriere è il suo referente e si deve fare carico di tutte le sue esigenze.


Cuoco

"Un artista...un artigiano... un folle. Non solo ricette: è la cucina bellezza!"

Ma sei sicuro che vuoi fare il cuoco? Riportiamo di seguito quanto ci ha confidato un grande cuoco italiano...

"Credo che il motivo più grande, a parte l'amore per il cibo (basta vedermi per capire quanto io ami il cibo) sia la creatività. Credo che la ricerca per creare qualcosa di nuovo o qualcosa di sempre più "perfetto" sia quel che ci spinge ogni giorno ad entrare in cucina a testa bassa. A metterci ogni giorno in discussione. In cucina puoi essere il cuoco più rinomato del mondo, ma basta pochissimo a sbagliare e finire in un vortice discendente fino a scomparire. Il vero segreto per fare il cuoco al meglio è non sentirsi mai "arrivati". Si deve SEMPRE pensare di essere ancora un pivello. Come in medicina, la cucina è un argomento sterminato. Un bravo cuoco non smette mai di apprendere, di cercare novità, di crescere tecnicamente e mentalmente.  

Pasticcere

"Il mestiere è interessante, stimolante, creativo e complesso. I dolci, non solo devono essere buoni, ma ..."

Per diventare pasticcere è necessario avere tanta passione, tanta umiltà, voglia di imparare e crescere costantemente. Un corso di specializzazione si rivelerà un ottimo strumento per intraprendere una carriera rapida e veloce, e per acquisire tutte le nozioni necessarie per operare senza difficoltà in imprese lavorative di diverse tipologie e livello, operanti nel settore della pasticceria.  Un buon pasticcere deve conoscere i principi basilari dell'alimentazione, della nutrizione e della fisiologia umana, ma anche la biologia e le metodologie per mantenere una corretta sicurezza alimentare. Deve conoscere altresì una serie di basi di chimica per trattare e combinare, in modo adeguato alcuni ingredienti. La creatività sta alla base di questo lavoro, sia per la creazione di dolci con sapori nuovi o con modifiche che li migliorino, sia come già detto, per la decorazione dei dolci stessi, che non deve mai essere banale.  

Rosticcere

"...un fritto perfetto rappresentate in tante diverse preparazioni dalle olive ascolane alle polpettine di melanzana, passando per crocchè, frittatine ed arancini. ..."

Il corso di cucina sulla rosticceria siciliana e campana è composto di due momenti fondamentali: la preparazione delle ricette e la produzione di tanti tipologie di prodotti ottenibili tramite sistemi di cottura tradizionali, sistemi di cottura a forno o in ambienti con immersione in oli edibili, la preparazione di snack raffinati di pizzeria e rosticceria regionali e nazionali e tanto altro. 

Il corso di cucina sulla rosticceria ti darà tutte le informazioni necessarie per realizzare i più famosi sfizi fritti come arancini, crocchè, frittatine di pasta, polpettine di melanzane, olive all'ascolana, ma ti insegnerà a cuocere queste delizie in maniera corretta in modo che risultino sempre fragranti, croccanti, morbide e soprattutto poco unte. Molta importanza daremo dunque all'olio, alla temperatura di frittura al tempo e a come conservare i prodotti di rosticceria una volta preparati. 

Barman

"Quando si parla di donne al bar, difatti, si dovrebbero usare termini come barlady, barmaid e barwoman - tutti sinonimi tra di loro -, ma in Italia si tende a generalizzare e a definire barman chiunque, indipendentemente dal sesso..."

La professione del barman è, proprio come un buon cocktail, una perfetta miscela di ingredienti di ottima qualità, sapientemente dosati ed equilibrati tra di loro, distribuiti secondo un criterio ben preciso ma che può essere variato con una buona dose di creatività e di passione.

La professione del barman esige alcuni requisiti fondamentali che non possono e non devono essere trascurati: nonostante ciò, chiunque può aspirare a diventare un buon barman, se in possesso della necessaria volontà e determinazione. Un buon barman è soprattutto:

  • un sapiente professionista che serve clienti e cocktail;
  • un manager capace di gestire un bancone, un servizio o un intero locale;
  • un buon amico con cui intrattenere rapporti di cordialità;
  • una persona gentile, decorosa e ordinata dietro al banco;
  • un buon venditore...e molto altro di più. 


Barista

"Lavorare come barista non significa solo portare le bevande al tavolo. Come barista prepari bocconcini per gli affamati, fai da confidente per i più loquaci e da badante per quelli che hanno alzato troppo il gomito..."

Il corso base per chi sta entrando nella professione di barista, così come per coloro che già lavorano ma vogliono migliorarsi.
Un corso che parte dalla conoscenza delle miscele di caffè fino alla manutenzione e pulizia delle macchine, passando da argomenti come la macinatura del caffè, la corretta preparazione dell'espresso, la montatura del latte, la preparazione del cappuccino, il latte macchiato, il caffè shakerato e altro ancora. Il barista inizia generalmente il suo lavoro sistemando i tavoli e la sua postazione di lavoro. Quando entrano i clienti il barista li saluta amichevolmente. Prende le ordinazioni, prepara le bevande ed eventualmente qualche stuzzichino, porta tutto al tavolino e fa in modo che i clienti si sentano a proprio agio. Il barista prepara e decora i drink in modo artistico facendo sorridere i suoi clienti. Il barista incassa il conto e pulisce poi il tavolo dopo che i clienti sono andati via. Il suo lavoro consiste anche nel lavare le stoviglie e rifornire il bar di bevande e cose da mangiare nonché effettuare ordinazioni presso il fornitore se necessario. Con molto impegno e astuzia il barista riesce a procurarsi una propria clientela affezionata.

Sommelier Wine Manager

"Non si può vivere bene dove non si beve bene.
Il vino rende più facile la vita di tutti i giorni, meno affrettata, con meno tensioni e più tolleranza.
Chiedi consiglio al vino, ma poi togliti ogni dubbio con l'acqua."

(B. Franklin, 1706 -1790)

Il corso permette di fare acquisire le abilità essenziali dell'operatore enogastronomico di successo:

  • Imparare a degustare il vino ;
  • Imparare a riconoscere le diverse tipologie di vino;
  • Imparare a valutare il prezzo di un vino;
  • Imparare ad abbinare tutte le tipologie di vini esistenti a tutte le tipologie di pietanze inventato e utilizzato dall'Associazione Italiana Sommelier;
  • Imparare a redigere una carta dei vini;
  • Imparare ad approvvigionare la cantina;
  • Imparare a comunicare efficacemente;
  • Imparare le principali tecniche di marketing per posizionare l'offerta enogastronomica con risultati economici soddisfacenti. 



Food & Beverage Manager


"Il Food and beverage manager, inoltre, deve curare è il controllo dei costi, anzi, per essere più precisi: la massimizzazione degli incassi e la minimizzazione delle spese"...

Il responsabile Food & Beverage gestisce tutte le attività legate alla ristorazione, sia di strutture alberghiere che ristorative, considerando tutte le componenti che in esse si articolano. Dalle risorse economiche dei servizi alla gestione del personale, dall'approvvigionamento al controllo qualità della produzione e distribuzione di cibi e bevande, di cui la figura assume il totale coordinamento. Nell'albergo o nel ristorante dove presta la sua attività, è responsabile inoltre del servizio banchetti, riunioni e colazioni di lavoro, in qualità di promotore e di fornitore del servizio stesso. 

M.I.C.E. Manager

...E' una persona che conosce molto bene le caratteristiche dei diversi tipi di eventi e sa comprendere le esigenze di chi li commissiona...

Chi è il M.I.C.E. Manager?

Un professionista che coordina l'attività più complete previste dall'acronimo M.I.C.E. che indica le varie e specifiche tipologie del settore quali:

  • Meeting,
  • Incentive,
  • Congress e Convention,
  • Events e Exhibitions

Il M.I.C.E. Manager può operare, alle  dipendenze che come free-lance, per realtà molto differenti tra loro - associazioni, enti pubblici o privati, hotel, aziende, tour operator - e svolgere compiti altrettanto differenti a seconda della tipologia di evento da realizzare.




Hotel Revenue Management

"Fornire il servizio giusto, al cliente giusto, al momento giusto ed al giusto prezzo" ...

Oggi il "Revenue Management" è diventato una pratica indispensabile per alberghi di ogni dimensione, indipendenti o di catena che siano. Infatti l'attuale contesto competitivo ormai globalizzato richiede offerte tariffarie tempestive e ritagliate sui segmenti di mercato ma che siano allo stesso tempo eque (fair), cioè non arbitrarie, e garantiscano alla struttura ricettiva ricavi remunerativi. La soddisfazione di questi requisiti impone una reingegnerizzazione dei tradizionali processi di pricing, vendite, booking. Tutto questo è possibile grazie all'utilizzo di sistemi informativi e informatici che permettono, da una parte, una più agevole pianificazione delle strategie tariffarie e commerciali al fine di massimizzare i profitti e, dall'altra, di conquistare quote di mercato. 

© 2017 Accademia Italiana per il Turismo e la Ristorazione. Tutti i diritti riservati.
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!